Categorie
Senza categoria

LA STORIA DELLE SCOMMESSE IN ITALIA

Le scommesse in Italia nascono nel 1946 mentre negli altri paesi come Inghilterra e Paesi Bassi le scommesse erano già conosciute da tempo .

Oltre al totocalcio fino all’inizi degli anni 2000 non si conosceva nessun modo per puntare sulle partite se non farlo con amici o rendere le scommesse illegali, quindi tra persone private e un banco.


Anche se in realtà già ai tempi dei romani piacevano le scommesse, questa passione è nata dai grechi, che in eventi particolari e in giochi olimpici scommettevano le loro star, invece a Roma le scommesse maggiori si verificava fuori dal Colosseo quando si scontravo i gladiatori, addirittura, cesare aveva creato un vero e proprio negozietto in cui le persone potevano entrare e giocare ciò che più gli piaceva.


A partire dagli anni 2000 è arrivato il totocalcio, il totocalcio funzionava in questa maniera, era possibile scommettere solo 3 esiti su ogni partita, giocare l’1 in caso si pensasse vincesse la squadra di casa, la x, ovvero il pareggio e il 2 in caso si pensasse fosse la squadra in trasferta a portare a casa la partita, l’unica pecca del totocalcio stava nel fatto che era obbligatorio giocare tutte le partite presenti nel week end.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *