Categorie
Trading Finanziario

Come funziona il Trading Online?

Per capire appieno il trading online è necessario prima di tutto capirne il significato, trading in italiano significa commercio e si riferisce all’ambito finanziario, come azioni, criptovalute, titoli di stato ecc…

Mentre la parola online, si riferisce al fatto che ormai il trading viene svolto principalmente via internet, utilizzando piattaforme nate appositamente per tradare via telefono, tablet o computer.

Fare trading online significa, quindi, ottenere un profitto o una perdita di denaro, sfruttando a proprio vantaggio o svantaggio, i movimenti dei titoli quotati sui mercati finanziari nazionali o mondiali.

I trader meno esperti credono che fare trading online significhi comprare un titolo finanziario e aspettare che il prezzo aumenti per poi rivenderlo e ottenere una plusvalenza. Questa è una forma di trading online possibile, ma sicuramente non è la più profittevole.

Le piattaforma di trading online, offrono ai propri clienti due tipi di operazioni: l’acquisto di titoli finanziari e la vendita allo scoperto di titoli finanziari.

Quando un trader decide di acquistare un titolo finanziario, questo inizia a generare un profitto solo nel momento in cui il prezzo sale. Quando invece si vende allo scoperto, il profitto arriva quando il prezzo scende.

Chiudendo questo nostro articolo dedicato al trading, possiamo affermare che il trading online consente di fare profitti a partire dalla variazione di prezzo di un titolo, non importa se positiva o negativa. Il profitto che si ottiene è proporzionale alla variazione di prezzo ma si può moltiplicare applicando la leva finanziaria e far crescere nel tempo grazie all’interesse composto.





Categorie
Casinò

Come sono nati i casinò online?

Sono tre le tappe che hanno influito sulla nascita dei casinò online. La prima tappa è la nascita del software di gioco nei casinò terrestri.

Le slot machine basate sul software per computer, hanno iniziato a sostituire le slot elettromeccaniche nei casinò live. Il software per la strategia del gioco del blackjack era stato sviluppato da contatori di carte professionali nel 1970. Il software per i giochi d’azzardo è stato il primo pezzo del puzzle a essere perfezionato. Quello che mancava era un sistema che collegasse tutti i computers insieme e questo problema è stato risolto con internet.

Nei primi anni ’90 Internet ha iniziato ad essere accessibile. Inizialmente era usato solo come mezzo di comunicazione. I singoli utenti potevano collegarsi a internet dai logo computer e inviare messaggi ad altri connessi allo stesso modo. Ma il potenziale latente di Internet in altre applicazioni è stato subito evidente e questa è la seconda tappa.

Il terzo fattore necessario per dare il via ai casinò online era un meccanismo di regolamentazione a livello di norme internazionali. Lo stato di Antigua e Barbuda nel 1994 emanò l’Atto di Libero Scambio e Zona di Processazione che consentiva di rilasciare licenze di gioco d’azzardo. Così nacque la prima giurisdizione di gioco d’azzardo online. Con questa legge è stato costituito il Direttorato di Offshore Gaming.

Microgaming è stato un pioniere un questo campo. Microgaming, un fornitore software con sede nell’Isola di Man, fu fondata nel 1994. Microgaming è stata la prima a sviluppare software per il gioco online.

Considerando che i giochi online possono essere effettuati utilizzando il software, mancava una componente vitale necessaria in un vero e proprio casinò online. Si trattava della sicurezza necessaria per eseguire transazioni finanziarie su Internet in modo sicuro.

Questa componente è stato fornita da Cryptologic, una società di software di sicurezza online fondata in Irlanda nel 1995.

Categorie
Scommesse Sportive

Cosa sono e come funzionano le scommesse sportive?

Le scommesse sportive di utilizzano per moltissimi sport. Gli sport più usati in Italia sono il calcio, il tennis, il basket, i motori ma si utilizzano anche per altri tipi di avvenimenti, come nelle manifestazioni canore, in Tv o per le elezioni politiche.

Il meccanismo alla base delle scommesse sportive è davvero molto semplice: si scommette del denaro per ottenere delle vincite e queste puntate possono riguardante il successo o la sconfitta di una squadra, il numero di reti segnate in una determinata partita e così via. Insomma, la scommessa prevede di pronosticare l’avvenimento di un possibile evento.

Le scommesse sportive possono riguardare un elevato numero di sport ed esistono anche varie tipologie di scommessa che si può decidere di seguire. Le scommesse sportive possono essere giocate recandosi negli esercizi commerciali autorizzati, oppure si può giocare direttamente online.

Il calcio è sicuramente lo sport più amato e diffuso in Italia e anche il più scommesso. Esistono davvero tanti modi attraverso cui si può scommettere. Per esempio le scommesse sportive possono riguardare l’Esito Finale 1X2. Questa tipologia di scommessa prevede di pronosticare l’esito di una partita alla fine dei tempi regolamentari. Si può quindi pronosticare se ci sarà una vittoria della squadra in casa, quella fuori casa o un pareggio.

Le scommesse possono essere giocate in singole, doppie, triple o multiple. Le scommesse sportive singole hanno il meccanismo di gioco più semplice: solitamente c’è una quota fissa che sta a indicare la probabilità che un determinato evento si verifichi.

Le scommesse sportive multiple sono invece quelle che vengono solitamente preferite dai giocatori meno esperti. In questo caso la quota è data dal prodotto delle singole quote, per questo il guadagno è ovviamente maggiore.

Esistono poi tanti altri tipi di scommessa, alcune prevedono di individuare il risultato esatto di una partita, altre il numero di goal segnati durante una partita e così via. Le modalità di scommessa sono molto varie, proprio perché si cerca sempre di offrire il giusto divertimento e intrattenimento allo scommettitore.

Nel campo del tennis si può, invece, cercare di indovinare il risultato dell’incontro, oppure il risultato esatto in base ai vari set dell’incontro. Per farvi altri esempi, anche la Formula 1 è molto gettonata. In questo caso le scommesse sportive possono riguardare il vincitore del Gran Premio, il giro più veloce, i punti per squadra, la pole position e molto altro ancora.

Categorie
Betting Exchange

Cosa sono il Trading Sportivo e il Betting Exchange?

Betting Exchange, tradotto dall’inglese all’italiano vuol dire scambio scommesse. C’è chi punta ( in inglese back) e c’è chi banca (in inglese lay).

Non a caso è detto anche punta-banca, perché ti offre nello stesso trade la possibilità sia di puntare che di bancare su una stessa squadra o
su uno stesso esito.

C’è chi acquista e c’è chi vende, c’è chi punta e c’è chi banca (come se fosse un bookmakaer). Chi opera in queste borse è detto trader sportivo e può operare sia pre-match che live, durante gli eventi.

E’ un modo di “scommettere” che presenta diversi aspetti positivi e, sotto un certo punto di vista, il trading sportivo può essere inteso come una vera e propria attività di investimento e/o finanziaria.

Nelle piattaforme di Betting Exchange il trader scommette non contro il bookmaker ma contro altri trader-scommettitori ed anche semplici appassionati di sport .

Le scommesse sportive e il Betting Exchange quindi sono due prodotti ben distinti che non vanno mai collegati tra di loro.

Categorie
Poker

Come è nato il gioco del poker?

Sono tante e molto curiose le storie che riguardano la nascita del gioco del poker nel mondo. Un gruppo di studiosi, dopo recenti studi, hanno affermato che il poker sia nato negli Stati Uniti e più precisamente in Mississippi nel 1834, altri in Francia nel 1700 o in Germania dove prese il nome di Pochspiel nel 1880. Ma un fatto è certo, la sua pratica di gioco si è diffusa così rapidamente nel mondo, che ora sono tantissimi i giocatori che giocano abitualmente a poker.

La prima fonte scritta certa di un gioco simile al poker risale al 1834. La penna apparteneva allo scrittore americano, Jonathan H. Green. I battelli percorrevano le placide acque del Mississippi e a bordo si giocava a quello che Jonathan chiama “il gioco della Truffa”. Un nome non proprio promettente, ma le differenze con le specialità oggi conosciute sono lampanti. Il mazzo era composto da sole 20 carte (dal dieci all’asso) e le regole erano piuttosto semplici: quattro giocatori attorno al tavolo e cinque carte a testa distribuite. Il punto migliore portava a casa il piatto.

Non era certo uno skill game (gioco di abilità) e, pur essendo diventato uno dei giochi preferiti sui battelli del Mississippi, quel poker ante litteram si prestava perfettamente ad essere truccato dall’azione dei bari. I ricchi giocatori, inizialmente disposti a spendere i loro quattrini ai tavoli, si dimostrarono sempre più sospettosi circa la regolarità del gioco e probabilmente è proprio in virtù di questo motivo che i bari stessi cercarono di articolarne le regole creando così l’illusione della regolarità. Fu l’inizio dell’evoluzione che ci ha portati alle varianti odierne.

Anche se attualmente questa opzione è considerata una delle origini più attendibili, non è tuttavia l’unica disponibile. Lo si capisce dai tanti dubbi relativi all’origine del nome. La maggior parte dei dizionari concorda nell’individuare nel nome francese Poque l’antesignano del poker. In questo caso, pur trattandosi di un gioco completamente diverso, saremmo tornati indietro nel tempo addirittura nella Francia del 1700. Come sia stato possibile che il nome Poque sia stato legato ad un gioco dissimile dall’altra parte dell’Atlantico è intuibile ma non dimostrabile. Un’altra possibile desinenza del nome è legata alla Germania e al gioco chiamato Pochspiel nel quale, come unico punto d’incontro con il poker, si individua l’elemento del bluff.

L’ipotesi più suggestiva, lega il gioco del poker alla malavita e al mondo di bari e borseggiatori, suggerisce che il nome del gioco derivi da una storpiatura del termine “poke”, in uso tra i borseggiatori. Possibile che i bari, in presenza delle proprie vittime, abbiano iniziato ad utilizzare quel termine con l’aggiunta di una “r”. Da dove deriva a sua volta “poke”? Era una formuletta alla stregua di “abracadabra”.

Categorie
News

BENEVENUTI NEL BLOG DI BTS AFFILIATIONS

Da oggi inauguriamo il blog di BTS Affiliations, una finestra sul mondo del gioco legale in Italia, ma non solo uno spazio dove potrete trovare tante curiosità e tematiche dedicate alle scommesse sportive, al poker, al mondo dei casinò e del trading.

Siete pronti ad unirvi a noi?